Home

     

 

 Barche da carico e da pesca

 
Introduzione
Archeologia navale
Barche tradizionali
Gondola e varianti
SÓndolo
> Barche da carico e da pesca
Barche fluviali
     
    Barche curiose e ancora da definire
Voga alla veneta
Barche e navi da parata
Navi tradizionali
Vaporetti e barche attuali

 

Una grande Batela a coa de gambaro in Canal Grande

Batela

Batela Ŕ un nome generico che si dÓ a molte specie di scafi, in questo caso designa un'imbarcazione lagunare a remi e vela, non pontata, costruita in due varianti: la batŔla buranela, e la batŔla a cˇa de gambaro. La prima ha la poppa a specchio mentre la seconda c'Ŕ l'ha tonda con l'asta elegantemente sopraelevata. Pensiamo invece che la barchŔta a cˇa de gambaro, spesso usato come sinonimo, sia pi¨ slanciata e pi¨ simile alla gondola.

Vai a: disegni modelli Batela a coa de gambaro

 

Vai a: disegni modelli ricostruzioni di Batela buranela

Modello di Batela a coa de

gambaro in scala 1:10

 

Uno degli ultimi esemplari di batele buranele rimasti.


P 228 Rilievo di una Caorlina da 40 quintali, aut. U. Miori, 1959

Caorlina

La caorlina Ŕ un'imbarcazione lagunare molto bella, con poppa e prua tonde e simmetriche, dotata di aste a mezzaluna dall'estremitÓ verticale e fianchi paralleli, capiente senza per questo risultare sgraziata. Pochi esemplari costruiti secondo i sistemi tradizionali si sono conservati, mentre si contano molte ricostruzioni per diporto e regate in compensato marino. Pu˛ essere utilizzata sia a remi (fino a 6 vogatori) che a vela. Era impiegata per il trasporto e per la pesca detta a serÓgia, nel quale caso a poppa era ricavata una bassa cabina per alloggiare i pescatori, detto camar˛to.

Vai a: disegni   modelli   restauro


Una delle rare immagini di batelon a destra di una peata in squero dei Muti a Venezia.

Batelon

Il batelˇn Ŕ una imbarcazione lagunare da trasporto a remi e vela, simile alla caorlina, ma di taglia pi¨ grande e dalla poppa leggermente sopraelevata.

Vai a: disegni modelli

Modello di batelon realizzato in

scala 1:10


Trasloco in peata.

Peata

La peata Ŕ la maggiore imbarcazione da trasporto per i canali interni veneziani, condotta in genere da due vogatori. Simile alla caorlina, ma pi¨ grande e meno slanciata, realizzata per ottenere la massima capacitÓ di carico; aste a mezzaluna, (le ultime avevano quella di poppa diritta), scafo quasi completamente parallelo, fondo piatto, con due coperte alle estremitÓ dotate di un portello e di due bitte ciascuna. Era realizzata in molte taglie che andavano da 100 a 250, 400, 800 e pi¨ quintali di portata

Vai a: disegni   modelli   restauro


Topo da carico in Bacino San Marco

Topo o Batelo da pisso

Imbarcazione lagunare e costiera a fondo piatto, lunga tra i sei e i 14 metri. Ha fianco e poppa tonda con asta curva verticale, prua curva distesa in avanti. Nĺesistono molte varianti pontate o aperte denominate secondo le zone della laguna e degli impieghi anche: battello a pýsso, m¨sso o mussÚto, topÚto, t˛po mistierÚto, t˛po venessiÓn, batŔlo col fýlo. Era utilizzata per il trasporto e la pesca a remi e vela al terzo. Attualmente, motorizzata (mototopo) o con la poppa tagliata a specchio (topa) Ŕ la barca da trasporto lagunare pi¨ diffusa.

Vai a: disegni   modelli 


 Topa veneziana

Topa

Attualmente la topa, Ŕ una barca lagunare simile al topo ma con la poppa a specchio invece che tonda, sulla quale si pu˛ agevolmente installare un motore fuoribordo.

Ha avuto un grande successo grazie alla sua versatilitÓ, in quanto pu˛ agevolmente andare a motore, a remi ed a vela, tanto da essere fabbricata anche di serie in vetroresina.

Le tope sono lunghe dai 6,5 metri a 7,30 e sono larghe 1,70 1,90 ca.

Vai a: disegni   modelli 


Bragagna a do proe a vela, coll. Mario Marzari.

Bragagna

La bragagna Ŕ sia un tipo dĺimbarcazione sia una rete lagunare, non sappiamo chi abbia imposto il nome allĺaltra. La tipologia pi¨ antica Ŕ la bragÓgna a tre alberi o a do proe, dotata appunto dĺestremitÓ simmetriche e caso unico fra le barche lagunari di tre alberi. Va posto in risalto che la pesca si svolgeva scarrocciando sul letto del vento, tenendo aperta la bocca della rete mediante due aste fissate alle estremitÓ dello scafo. Questa tipologia fu poi sostituito in questo secolo, mantenendo la stessa tecnica di pesca, con una simile a un piccolo brag˛sso non pontato.

Vai a: disegni   restauro   modelli

 

Da sinistra verso destra, una Bragagna e un bragosseto alati in squero a Chioggia. Coll. Silvano Voltolina.


Bragosso in regata, foto Bertarello.

Bragosso o bragozzo

Il brag˛sso Ŕ stata lĺimbarcazione da pesca, a vela e remi, pi¨ diffusa in tutto il medio e alto Adriatico. Lungo dai 9 ai 16 metri, aveva due alberi armati con vele ôal terzoö e un lungo timone che faceva anche da piano di deriva.

Vai a: disegni   modelli   libri  scafi  timone  album di famiglia    Bragozzo Altino ricostruzione

Coppia di bragossi a Chioggia, coll. Silvano Voltolina


 

Dettaglio della prua del modello

di tartana conservato al Museo

Storico Navale di Venezia

Tartana

La tartana era una barca comune in tutto il Mediterraneo dove per˛ prendeva caratteristiche e misure diverse a seconda delle regioni. La versione adriatica assomigliava ad un grande bragosso, da cui si differenziava per la forma della prua e altri dettagli minori. Il Marella, riferisce che era lunga 55 piedi veneti e larga 13, pari a m 19,25 x 4,52.

Sfortunatamente non ci Ŕ giunta nessuna fotografia di questa imbarcazione ma solo due modelli e alcuni schizzi del pittore A. Naccari.

Vai a: disegni   modelli pannelli didattici


Un imponente trabaccolo entra

vele spiegate nel canale della

Giudecca, T. Filippi, coll. Dorigo.

Trabaccolo

A Chioggia chiamato anche barca marinŔra, nota imbarcazione da trasporto lunga attorno ai venti metri, a due alberi e bompresso, diffusa su tutto l'alto Adriatico. Realizzato secondo i canoni classici della costruzione navale, con ordinate su chiglia, diversamente dalle altre barche della stessa area, anche di simili dimensioni, ma con fondo piatto, (brag˛zzo, tartana ecc.). Di forme piene e rientranti nell'opera morta, fini e svasate in quella viva. Largo un terzo della lunghezza. Asta di poppa diritta con timone scorrevole, asta di prua curva e rientrante nella parte alta, sormontata da un vello di pecora scolpito (chiamata per¨ca, pelizˇn, sc¨fia), due grandi occhi scolpiti e colorati posti ai lati dell'asta di prua sopra gli occhi di cubia. Armata con vele al terzo (solo gradatamente a cominciare da quella di poppa saranno sostituite con vele auriche), manovre fisse in fune d'acciaio, con griselle sulle sartie.

 

Vai a: Pagina dei trabaccoli , disegni   modelli    album di famiglia

Il Marin Faliero in squero a

Sottomarina, foto Alberto Vincenti.

 

Vai al filmato del recupero del Marin Faliero


 

: penzo.gilberto